Tag Archives: bambini

Rilassati e porta in vacanza con te Amiko!

Amiko
Seguimi
Ciao sono Giorgia, ti do il benvenuto in questo Condominio.
Qui troverai tips, rimedi, risorse utili, simpatici prospetti e planner per ottimizzare il tempo e gli spazi, nonché consigli utili per una gestione domestica più organizzata.
Seguimi

Quando si parte per una vacanza, soprattutto se dall’ultima son passati diversi mesi, ci si aspetta di trascorrere un po’ di tempo in assoluta tranquillità e relax.

Ma se si parte in famiglia e con i bimbi ancora piccoli o in età scolare, la tranquillità non è mai così scontata.

Sempre ansiose, sempre sull’attenti, mai riposate al 100%, è questa la vacanza che ci aspetta!

Un po’ per l’ansia di “perdere d’occhio” i bimbi in spiaggia in un momento di distrazione, un po’ perché i “nonni” spesso e volentieri soffrono di patologie che potrebbero essere causa di apprensione, un po’ perché temiamo di non avere tutto sotto controllo fuori da casa nostra, i pericoli sono sempre dietro l’angolo, e allora succede che il relax resta soltanto un sogno fino alla fine della vacanza.

Per questo motivo possiamo scegliere di portare con noi Amiko.

Non una persona in più durante il soggiorno sia ben chiaro, ma un servizio completo che ci aiuterà a rilassarci durante la nostra vacanza.

Amiko è un servizio basato su cloud  che, tramite un braccialetto col sistema NFC, consente di visualizzare sul nostro smartphone o tablet tutte le informazioni di primo soccorso.

Gruppo sanguigno, allergie, patologie e referti, per avere sempre a portata di mano le info di prima emergenza. Ma il nostro Amiko prevede anche quattro servizi davvero interessanti:

  • Direct Call  per contattare uno dei tre numeri di emergenza scelti da voi
  • Self Help per inviare la propria posizione tramite sms, in caso di bisogno – ad averlo avuto qualche anno fa avrei evitato lo spavento di aver perduto di vista mio figlio 6enne per circa mezz’ora, con conseguente ansia e preoccupazione fino alla fine della vacanza…
  • Medical Reminder per impostare uno o più alert e ricordare così di assumere i farmaci ad orario
  • Tap To Call per contattare tramite la semplice scansione del bracciale, uno dei tre contatti scelti al momento della registrazione
Che dite riusciremo a goderci il mare e il sole sapendo che i nostri figli saranno sicuri e protetti da Amiko? #amyko #IoViaggioConAmyko




Tesoro, il bimbo piange, va cambiato…

Pampers
Seguimi
Ciao sono Giorgia, ti do il benvenuto in questo Condominio.
Qui troverai tips, rimedi, risorse utili, simpatici prospetti e planner per ottimizzare il tempo e gli spazi, nonché consigli utili per una gestione domestica più organizzata.
Seguimi

“…certo cara, ma uno nuovo non ce lo danno!”

Recitava così una famosa barzelletta nel web. Eppure quante volte abbiamo ripetuto la frase “il bimbo è da cambiare!”?

Torniamo indietro di qualche anno e pensiamo al momento in cui abbiamo tenuto quel frugoletto tra le braccia mentre tutto il resto scompariva. Parenti, marito, casa, faccende…nulla ha più importanza tranne lui, quell’esserino indifeso che abbiamo tenuto per circa nove mesi dentro di noi.
Potevamo immaginare che una creatura tanto piccola e innocua potesse fare così tanta pipì e popò da non riuscire a tenere il ritmo?

E tutti ti dicevano “Tranquilla, all’iniziano i neonati mangiano e dormono!!”

Non è affatto vero!! Scommetto che nessuno ti ha avvertito a suo tempo di quante volte durante il giorno andavano lavati, cambiati e profumati. Profumati certo!! Insomma anche se si tratta di “cacca santa” c’è poco da scherzare, la puzza sugli indumenti non andrà via per mesi, forse per anni.

Davanti a queste rivelazioni scoperte a mie spese piano piano, per fortuna ho potuto testare e collaudare diversi prodotti, creme e pannolini. Fra tutti i Pampers sono stati da me promossi a pieni voti.

Asciutti, convenienti, protettivi.

Mi sentivo tranquilla con loro anche quando uscivo di casa per parecchie ore. Non avevo timore di “fuoriuscite maleodoranti” nel bel mezzo di una serata tra amici, e di notte non dovevo precipitarmi con il pensiero di ritrovare il pupo affogato nella pipì come invece mi raccontavano le amiche.

E poi? inutile risparmiare comprando super convenientissimi pack di pannolini anonimi se poi a farne le spese è il culetto di tuo figlio sempre arrossato. No, per queste cose meglio non lesinare e acquistare un prodotto che vi dia fiducia, confort, qualità e protezione.

Insomma pannolini Pampers forever! #storiadiprotezione



Macchia di popò:  poche gocce di detersivo per i piatti e poi in lavatrice. Sui capi bianchi è molto efficace pre trattare con acqua ossigenata 40vol.

Macchia di pipì: Acqua tiepida e sapone di marsiglia, lasciare un paio d’ore in ammollo e poi lavare come di consueto.

Idee regalo per Natale? Scegli Brums!

Brums
Seguimi
Ciao sono Giorgia, ti do il benvenuto in questo Condominio.
Qui troverai tips, rimedi, risorse utili, simpatici prospetti e planner per ottimizzare il tempo e gli spazi, nonché consigli utili per una gestione domestica più organizzata.
Seguimi

Quest’anno mi sono fatta prendere la mano dalla comodità dello shopping online. Un po’ per pigrizia un po’ per voler risparmiare, non senza salvaguardare la qualità del prodotto, finalmente sono giunta da Brums.

Conoscevo già il negozio, infatti qui a Roma si trovano diversi punti vendita. E molte volte ho vestito i miei ragazzi proprio da Brums. Felpe e giubbetti sempre originali con colori e tessuti alla Brumsmoda, soprattutto morbidi al tatto anche quando  i bimbi erano piccoli e si infastidivano facilmente con la lana o le zip.

Ora scopro il negozio online e per questo Natale intendo vestire lì il mio monello e, perché no, fare anche i regali ai figli delle mie amiche. D’altra parte farò un figurone! Infatti, per evitare errori di taglia o modello, potrò scegliere di regalare una comoda e utile Gift Card utilizzabile in tutti i negozi fisici e sullo store online.

Nel sito si trovano tutti gli articoli descritti accuratamente, la garanzia della qualità, del comfort e di una consegna puntuale!! Un eventuale reso gratuito se sbagliamo la taglia e una Fidelity Card che ci assicura sconti e promozioni fin da subito con la semplice registrazione online.

Ma la cosa che più mi è piaciuta è stata quella di poter scegliere gli outfit completi, con i capi già abbinati tra loro inclusi gli accessori come capelli, pashmine ecc

Così fin da subito potrete prevedere un budget di spesa, basterà selezionare gli articoli come in foto o sostituirli con le alternative proposte! Facile no?


Buzzoole

In fila per due si torna a scuola

in fila per due
Seguimi
Ciao sono Giorgia, ti do il benvenuto in questo Condominio.
Qui troverai tips, rimedi, risorse utili, simpatici prospetti e planner per ottimizzare il tempo e gli spazi, nonché consigli utili per una gestione domestica più organizzata.
Seguimi

Dopo aver trascorso le vacanze in assoluto relax, mare e montagna, parco, amici, nonni e videogame, il rientro a scuola può risultare per i nostri bimbi un bel trauma.

In fila per due, si torna a scuola. Sei passaggi per rendere meno difficoltoso il loro ritorno tra i banchi:

1. Quindici giorni prima dell’inizio della scuola anticipare la sveglia di 5 minuti ogni giorno fino ad arrivare gradualmente all’orario stabilito.

2. Dieci giorni prima preparare lo zaino e la cartoleria di base (penne, matite, temperini, colori, diario, un paio di quaderni a righe e un paio a quadretti. Non esagerate sulla dotazione iniziale, tanto poi ogni professore chiederà l’occorrente a sua discrezione.

3. Una settimana prima fare la spesa programmando la colazione (un comodo ciambellone o plumcake per un’alimentazione sana) e frutta per lo spuntino del mattino. Questo ci permetterà di risparmiare sulle merende confezionate e di pianificare il menu settimanale se durante l’estate l’avevamo trascurato!In fila per due

4. Qualche giorno prima dell’inizio della scuola far frequentare al proprio figlio i compagni di classe, per una merenda, per un incontro al parco, ecc. La solidarietà tra amici è sempre il metodo più efficace per affrontare insieme l’impatto scolastico del primo giorno di scuola.


5. Preparare, almeno per la prima settimana di scuola, l’abbigliamento adatto. In questo modo non perderete tempo prezioso al mattino, alla ricerca di indumenti nascosti nell’armadio.

6. Almeno per il primo mese di scuola evitare le attività extrascolastiche. Le varie iscrizioni ai corsi (danza, calcio, pianoforte, ecc) potranno aspettare ancora qualche giorno.

mamma_felice_primo_giorno_scuola

E’ tempo di vacanze! Solo cose belle…

Tempo di vacanze
Seguimi
Ciao sono Giorgia, ti do il benvenuto in questo Condominio.
Qui troverai tips, rimedi, risorse utili, simpatici prospetti e planner per ottimizzare il tempo e gli spazi, nonché consigli utili per una gestione domestica più organizzata.
Seguimi

E sì, è tempo di vacanze. Finita la scuola, riposti zaini, libri e quaderni! Ed ora? Solo cose belle!

Vi spiego meglio. E’ tempo di vacanze, l’estate è lunga e i bambini “moderni” sono sempre più difficili da intrattenere. Durante la giornata, mentre cuciniamo o sfaccendiamo, il sottofondo musicale è uguale per tutti “Cosa posso fare?” oppure “Mi annoio”

Questo simpatico stampabile in formato pdf li terrà impegnati in #solocosebelle e li farà riflettere su come gestire le vacanze e apprezzare il tempo a disposizione. Naturalmente è previsto uno spazio anche per OZIARE. Non bisogna necessariamente avere tutti i giorni e le ore impegnati altrimenti rientreremo a settembre più stressati che mai!!

 

Download

Grazie ai 1.306 utenti che hanno effettuato il download fino ad ora!

tempo di vacanze