fbpx

Tag Archives: ricette

Ecco perché non sono (e non sarò mai!) una food blogger

pisellini-e-gamberi
Seguimi

giorgia

Ciao sono Giorgia, ti do il benvenuto in questo Condominio.
Qui troverai tips, rimedi, risorse utili, simpatici prospetti e planner per ottimizzare il tempo e gli spazi, nonché consigli utili per una gestione domestica più organizzata.
Seguimi

Con queste due ricette, ho partecipato tempo fa ad un concorso Bonduelle*.

Vabbè non ho vinto e “da grande” non sarò una food blogger, ma mi sono divertita così tanto che oggi voglio condividere con voi questa mia esperienza!

Vi propongo queste due ricette simili nei contenuti ma diverse nella presentazione che si prestano benissimo, visti gli ingredienti, la sera della Vigilia di Natale.

Il concorso prevedeva una lista di ingredienti fra cui i piselli dolci Bonduelle (obbligatori!). Dovevo poi scegliere dalla lista altri 6 o 7 ingredienti, compreso uno a piacere.

Ho passato un pomeriggio ad inventare, sperimentare e fotografare.

Inutile dire che dopo aver provato l’ebbrezza di posizionare delicatamente la fogliolina di menta sulla purea di piselli pregando che non affondi per il tempo necessario a scattare la foto, ho finalmente capito che l’esperienza quasi trentennale di cucinare panzerotti e pasta al tonno non basta per fare di me una food blogger!

Ci vuole costanza (provare e riprovare), coraggio (ossia mangiare le prove riuscite male), arguzia (riciclare gli scarti proponendoli come un pranzetto gustoso ai familiari), rapidità (nell’impiattare e scattare la foto immediatamente dopo con le mani unte e infarinate), agilità e destrezza (arrampicandomi sulle credenze restando in bilico su un piede solo perché gli scatti dall’alto, si sa, sono più Tumblr  ), inventiva (sostituendo gli ingredienti che non si hanno in casa) e tanta tanta tanta creatività!

Ecco, di tutte queste cose, l’unica che non mi manca è la creatività! 😀

Torniamo alle nostre due ricette, ecco la prima proposta!

1^ Ricetta: Vellutata di piselli e patate con gamberi croccanti

Ingredienti utilizzati: piselli e gamberi
Piselli dolci  250 gr, 1 patata media, 6 gamberi sgusciati, 2 cucchiai di yogurt greco, granella di mandorle, mezzo avocado, 1 cucchiaio di miele, foglie di menta.

Procedimento di preparazione:
In una casseruola bollire la patata tagliata a cubetti.

Aggiungerla ai piselli sgocciolati, coprire con il brodo vegetale e cuocere per 10 min.

A fine cottura, frullare per ottenere un composto vellutato.

Scottare i gamberi con un filo d’olio 2 min., poi farli caramellare aggiungendo un cucchiaio di miele.

Passarli nella granella di mandorle precedentemente tostata.

In un piatto versare la vellutata di piselli, qualche cucchiaio di yogurt greco e l’avocado a cubetti.

Guarnire con foglie di menta

2^ Ricetta: Spiedini di gamberi su vellutata di piselli e yogurt

piselli-e-gamberiIngredienti utilizzati:
Piselli dolci  250 gr, 10 gamberi sgusciati, 1 patata media, 2 cucchiai di yogurt greco, granella di mandorle, 1 cucchiaio di miele, foglie di menta.

Procedimento di preparazione:
In un tegame dorare i gamberi sgusciati con poco olio girandoli su ambo i lati.

A fine cottura spegnere la fiamma e aggiungere un cucchiaio di miele.

In ultimo passare i gamberi nella granella di mandorle tostate facendole aderire bene.

Preparare la mousse frullando i piselli e una patata precedentemente bollita.

Aggiungere brodo vegetale fino a raggiungere la consistenza desiderata.

Preparare gli spiedini di gamberi da accompagnare alla mousse già guarnita con yogurt e foglie di menta.

*Qui nella Gallery troverete tutte le ricette che hanno partecipato al concorso, comprese queste mie che vi ho appena descritto!

Mi direte quale delle due vi piace di più?

food blogger

Cucina d’eccellenza con Le Nostre Stelle di Eurospin

Le-Nostre-Stelle_pescespada-1
Seguimi

giorgia

Ciao sono Giorgia, ti do il benvenuto in questo Condominio.
Qui troverai tips, rimedi, risorse utili, simpatici prospetti e planner per ottimizzare il tempo e gli spazi, nonché consigli utili per una gestione domestica più organizzata.
Seguimi

Cucinare per il piacere di farlo!

Quanti di noi lo fanno?

E se vi dicessi che con pochi semplici ingredienti selezionati nel nostro Paese per qualità, tradizione, tipicità e eccellenza nel gusto, si riescono a combinare dei piatti fantastici?

Lo Chef Marcello Leoni per l’occasione porta in tavola dei piatti semplici e veloci, utilizzando i prodotti della linea Le Nostre Stelle di Eurospin, di alta qualità molti dei quali DOP, IGP, STG, senza rinunciare alla convenienza.

Come questo ad esempio:

Carpaccio di pesce spada con Burrata Le Nostre Stelle, sedano e Pomodorini Datterini Le Nostre Stelle

Ingredienti freschi dal gusto prelibato per clienti esigenti che prestano particolare attenzione alla provenienza e alla lavorazione delle materie prime.

Per questa ricetta, che non mancherà sulla mia tavola la sera della Vigilia di Natale, sono necessari i seguenti ingredienti:

  • 100 g di Burrata Le Nostre Stelle
  • 12 Pomodorini Datterini Le Nostre Stelle
  • Olio Extra Vergine di Oliva Val di Mazara
  • DOP Le Nostre Stelle q.b.
  • 240 g di carpaccio di pesce spada
  • 30 g di sedano
  • Sale e pepe q.b

La preparazione, considerando il gusto pregiato dei prodotti Le Nostre Stelle, sarà semplice ma di sicuro effetto per i miei ospiti.

Disporre il pesce spada reso a carpaccio nei piatti. In un piatto o in una ciotola spezzettare a mano o con un coltello la burrata a piccoli pezzettini, condirla con olio, sale e pepe e disporla sul pesce spada. Tagliare il sedano a listarelle fini e versarvi sopra l’acqua di vegetazione del pomodoro.

Con questo piatto e con la linea di prodotti Le Nostre Stelle farò un figurone!

#lenostrestelle #eurospin #ad

Presentazione di Marcello Leoni from Eurospin Italia on Vimeo.

Cucina Tex-Mex, il Chili con carne molto “hot”

chilli-con-carne
Seguimi

giorgia

Ciao sono Giorgia, ti do il benvenuto in questo Condominio.
Qui troverai tips, rimedi, risorse utili, simpatici prospetti e planner per ottimizzare il tempo e gli spazi, nonché consigli utili per una gestione domestica più organizzata.
Seguimi

Avete mai assaggiato la cucina messicana? Uno dei piatti più conosciuti all’estero è proprio il Chili con Carne.

Se amate i sapori forti e piccanti dovete assolutamente provare questo piatto, se invece il vostro palato è più fine e delicato, potrete dimezzare il peperoncino ed avere così una versione più leggera del “Chili con Carne”.

Tra gli ingredienti principali del Chili troviamo: i fagioli (quelli neri), i peperoncini piccanti, la carne di manzo, il pomodoro e le spezie.

Di seguito vi propongo la stessa ricetta in versione “tradizionale” e in versione “Bimby” (TM31 o TM5) per i ricambi >> Ricambi Bimby

Ingredienti per 4 persone:

chilli-con-carne

  • 300 g di fagioli neri secchi o già pronti (io preferisco usare quelli secchi seguendo le istruzioni sulla confezione)
  • 1 cipolla rossa
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 carota
  • 1 costa di sedano
  • 30 g di olio extravergine d’oliva
  • 300 g di macinato di manzo (a piacere potete utilizzare lo stesso quantitativo in spezzatino di manzo)
  • 1 cucchiaio di farina
  • 300gr di pomodori pelati
  • Sale q.b.
  • Acqua tiepida o brodo vegetale q.b.

Le spezie previste in questa ricetta sono:

  • Cumino, 2 cucchiai
  • Origano, 1 cucchiaio
  • Peperoncini freschi o secchi q.b. (a piacere, per un sapore davvero hot, abbondate!!)
  • Pepe nero in grani q.b.
  • Coriandolo, 2 cucchiai

Preparazione:
In una casseruola fate un soffritto con olio, cipolla, sedano, aglio e carota. Aggiungere la carne di manzo, rosolarla per bene e poi versare la passata di pomodoro. Portare a ebollizione e unire del brodo vegetale se dovesse asciugarsi troppo. Unire le spezie e i fagioli e cuocere finché questi non saranno cotti.
Spegnere il fuoco e far riposare almeno 5 minuti.

Ora, per coloro che in cucina hanno il fedele collaboratore Bimby questa è la ricetta rivisitata:
Tempo di preparazione 10 min. – Tempo di cottura 90 min.

Preparazione
Prima di tutto mettere in ammollo per una notte oppure secondo le istruzioni indicate sulla confezione i fagioli neri secchi.
Nel boccale inserisci la cipolla, lo spicchio d’aglio, la carota e il sedano. [5 Sec. Vel. 7] e a seguire in quest’ordine:
L’olio. [3 Min. 100° Vel. 1]
La carne macinata. [3 Min. 100° Vel. 1]
Le spezie. [20 Sec. Vel. 9]
In un contenitore a parte setaccia un cucchiaio di farina con 100 g di acqua tiepida
Nel boccale ora aggiungi questo composto e la bottiglia di passata di pomodoro [60 Min. 100° Vel. 1]
Ora aggiungi i fagioli [30 Min. 100° Vel. Soft Antiorario]

Questo piatto si presta benissimo a serate a tema, oppure quando volete stupire i vostri invitati con preparazioni facili ma sicuramente d’effetto. Si accompagna alle classiche tortillas o con delle piadine o ancora con una manciata di riso parboiled semplicemente bollito. Potete presentarlo nelle scodelle in coccio oppure nei bicchierini da finger food come aperitivo.

chili-con-carne

I miei Muffin alla Nutella taglia ExtraLarge

muffin-alla-nutella-extralarge
Seguimi

giorgia

Ciao sono Giorgia, ti do il benvenuto in questo Condominio.
Qui troverai tips, rimedi, risorse utili, simpatici prospetti e planner per ottimizzare il tempo e gli spazi, nonché consigli utili per una gestione domestica più organizzata.
Seguimi

Non succede spesso, ma ieri ho deciso di preparare i Muffin alla Nutella!

Più facile a farsi che a dirsi!

Non so come sia accaduto ma, credetemi, non ho mai visto dei Muffin così giganti.

Ho trovato la ricetta semplicemente googlando “muffin alla nutella” ed tra le tante ho scelto quella di “Fatto in casa da Benedetta” un po’ per la simpatia, un po’ per la praticità e facilità di realizzazione delle sue ricette.

Ho raddoppiato le dosi poiché i miei stampini erano più grandi di quelli descritti e guardate qui cosa è accaduto:

Ingredienti:muffin-alla-nutella-fatto-in-casa-da-benedetta

  • 4 uova
  • 200g di zucchero
  • 100g di olio di girasole
  • 120g di latte
  • 460g di farina
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • Nutella a piacere
  • (granella di nocciole prevista nella ricetta originale ma io ne ero sprovvista)

Preparazione:

Da quando ho acquistato lo sbattitore con ciotola incorporata (pratico, economico e fa il suo dovere!!!) è un piacere vederlo lavorare mentre aggiungo nell’ordine: le uova, lo zucchero, l’olio, il latte, la farina e il lievito.

Il composto sarà abbastanza denso e consistente.

Se avrete l’accortezza di congelare per circa un’ora delle cucchiaiate di nutella posizionandole sulla cara forno, avrete pronti dei simil-cioccolatini da aggiungere nei pirottini dopo aver già versato due terzi del composto*. Ricoprite la cioccolata con altra crema e mettete in forno per 20-25 minuti a 180 gradi.

muffin-alla-nutella-2

Non credevo ai miei occhi: i Muffin  nel forno crescevano…crescevano… e dopo 25 minuti, tolti dal forno son rimasti così: soffici e altissiiiiiiiiimiiiiii!

Che emozione!

Ordunque Benedetta, anche se son bruttini ti assicuro che i miei Muffin ExtraLarge alla Nutella son venuti buonissimi, tant’è che dopo poco erano già finiti. La tua ricetta era perfetta ma io amo sperimentare e, *pensando che la Nutella scendesse sul fondo, l’ho messa sopra prima di infornare.

Ecco…come dire…avrei dovuto fidarmi di più delle tue spiegazioni. Quando ho tolto i dolcetti dal forno la Nutella, che nel frattempo si era rappresa, rotolava giù dai Muffin, …insomma come al solito ne ho combinata una delle mie.

Ora, avendo acquistato un kg di coccole in barattolo (Nutella ha indetto un concorso per ricevere in regalo una bella lampada, fate ancora in tempo, scade il 31 ottobre 2016) non mi rimane che cercare altre ricette facili e sfiziose, oppure spalmare Nutella sulle fette di pane a merenda come facevo da bambina.

muffin-alla-nutella-extralarge

Gli scone, storia di una ricetta perduta

scone scozzesi
Seguimi

giorgia

Ciao sono Giorgia, ti do il benvenuto in questo Condominio.
Qui troverai tips, rimedi, risorse utili, simpatici prospetti e planner per ottimizzare il tempo e gli spazi, nonché consigli utili per una gestione domestica più organizzata.
Seguimi

Circa 25 anni sono trascorsi da quando, appena maggiorenne giungevo a Londra carica di energie. Per la prima volta all’estero, per la prima volta in un appartamento “da sola”, per la prima volta lavoravo (in un KFC a Victoria Station!), …e per la prima volta assaggiavo gli scone!

Facevano parte del menu di KFC insieme alle ali di pollo piccanti, patatine e bibita. Non immaginavo allora che avessero un nome e una ricetta. Ne ho mangiati tutti i giorni per i 4 lunghi mesi di soggiorno e rientrata in Italia non ho mai più assaggiato un pane che somigliasse almeno un po’ a quei panini.

Solo più tardi ho scoperto che si trattava di una ricetta scozzese, di un panino al latte, friabile all’esterno, soffice e burroso all’interno. Non sono panini dolci, e non sono nemmeno salati. Si possono accompagnare alla marmellata, alla cioccolata oppure agli affettati. Nell’impasto si può aggiungere, a piacimento, uvetta o pancetta.

Io li ho sempre mangiati spalmando all’interno un po’ di burro per la delizia del mio palato. Sì lo so è un concentrato di colesterolo ma dopo tutto ne mangio uno o due…

Nella versione dolce, vengono serviti prevalentemente a colazione, oppure insieme al tè nel pomeriggio, ma si adattano un po’ ad ogni momento della giornata.

Ah… ero rimasta alla mia ricerca della ricetta perduta! Non conoscendo il nome non sapevo proprio come ritrovare gli ingredienti e la preparazione. Ad un certo punto mi sono imbattuta in un libro dalla copertina spiritosa e accattivante, questo:

emozioni culinarie>> Emozioni Culinarie <<

di Tina Ferraiuolo e Cristina Ordioni

Edito da Galassia Arte

In vendita su –>> Amazon in versione ebook e cartacea

Non un semplice libro di cucina. Ricette sì, ce ne sono. Ogni capitolo una ricetta che evoca emozioni culinarie, ricordi, storie di vita vissuta, di amicizie casuali, poi coltivate nel tempo.

E proprio a pagina 45 eccoli lì, gli scone di Edinburgo. Lì per lì non mi sono resa subito conto, poi leggendo gli ingredienti e la descrizione minuziosa non ho avuto più dubbi! Erano loro i miei panini adorati!

“…piccoli panini soffici all’interno e friabili all’esterno,… il loro aroma è burroso e si usa consumarli tagliati a metà e farciti con un’ottima marmellata, magari ai frutti di bosco, meglio se fatta in casa.”

Riporto gli ingredienti così come elencati nel libro:Scone di Edinburgo

  • 500gr di farina 00
  • 200gr di burro
  • 200ml circa di latte
  • 4gr di bicarbonato
  • 4gr di cremor tartaro
  • 1 pizzico di sale
  • uvetta a piacere (io non l’ho messa!)
  • Marmellate varie e panna montata per la farcitura

Preparazione:

In una ciotola versate la farina e il burro freddo tagliato a cubetti. Una volta mescolati insieme i primi due ingredienti, all’impasto, chiamato sfarinatura, si aggiunge il bicarbonato, il cremor tartaro, il sale e lentamente, il latte freddo.

L’impasto va lasciato riposare almeno un’ora coperto con un tovagliolo.

Scone di EdinburgoA questo punto ho modificato un po’ la ricetta originale del libro dove si diceva di stendere l’impasto con un mattarello  fino a uno spessore di 3 cm per poi formare con i coppapasta dei piccoli dischi. Diversamente io ho arrotolato l’impasto formando un cilindro del diametro di 3 cm (un po’ come si fa per la preparazione degli gnocchi) e poi ho tagliato le porzioni di questo rotolo a circa 4 cm ognuna.

Formiamo quindi dei cilindri che vanno messi in forno (già caldo!!!), distanziati tra loro, spennellandoli con un po’ di latte.

Cuociamo a 180° per circa 10/15 minuti. La superficie non dovrà apparire scura ma solo leggermente dorata.

Il risultato è stato ottimo, mi riprometto di preparare anche altre ricette proposte da questo libro, poiché sono tutte sfiziose e di facile preparazione!

Kebab a modo mio

kebab a modo mio
Seguimi

giorgia

Ciao sono Giorgia, ti do il benvenuto in questo Condominio.
Qui troverai tips, rimedi, risorse utili, simpatici prospetti e planner per ottimizzare il tempo e gli spazi, nonché consigli utili per una gestione domestica più organizzata.
Seguimi

Dovete sapere che nel quartiere dove abito io a Roma c’è un’altissima concentrazione di gente proveniente dal Bangladesh, dall’India, dalla Cina, ecc.

Eh sì! Il mio è un quartiere multietnico.

Così accanto alla tradizionale “pizza al taglio” troviamo il più caratteristico “kebabbaro”.

Ce ne è voluto perché mi abituassi ai loro sapori e alle loro spezie, eppure alla fine il kebab l’ho mangiato, e mi è pure piaciuto!  Certo, la mente mi spinge a chiedermi con cosa sarà fatta quella carne? Sarà fresca? Mi potrà far male? Tra mille dubbi e incertezze sono sopravvissuta, segno che non è veleno e che in qualsiasi pizzeria o ristorante anche italiani potrei trovare da ridire. Inutile dire che spesso compro kebab per tutti e cinque e lo porto a casa.

Poi una sera, ho avuto un’idea brillante, mi sono divertita a “riprodurre” il Kebab a modo mio. Naturalmente non c’entra nulla con l’originale che continuerò a comprare da AlìBabà sotto casa, ma l’effetto cucina etnica è riuscito alla grande.

Ingredienti:

  • Piadina all’olio di oliva (in sostituzione si può usare anche il pane azzimo, senza lievitazione, più dietetico e si arrotola facilmente)
  • Petto di pollo cotto alla piastra con poche spezie (no sale, no olio), possono andare bene anche gli straccetti di manzo o vitella
  • tutto quello che ti piace e che hai nel frigorifero (pomodori, insalata, cipolla, mais, patate, ecc)
  • salse (maionese, ketchup, o la più dietetica salsa allo yogurt)

Preparazione:

In una padella antiaderente scaldare senza olio né burro la piadina. Mettere su gli ingredienti a piacere. Arrotolare aiutandoti con la carta alluminio. Pronto!!!

Kebab a modo mio

kebab a modo mio

Scaldare una piadina in una padella antiaderente senza olio o condimenti. Aggiungere insalata,…

kebab a modo mio

…,olive,…

kebab a modo mio

…, maionese, …

kebab a modo mio

…, ketchup, …

kebab a modo mio

…, petto di pollo tagliato a pezzettini.

kebab a modo mio

Arrotolare e chiudere con carta alluminio.

kebab a modo mio

VOILA’!!!!

Facile e veloce da preparare resta un’idea svuota-frigo!!!

kebab a modo mio

Torta facile dei 7 vasetti allo yogurt

torta facile in 7 vasetti
Seguimi

giorgia

Ciao sono Giorgia, ti do il benvenuto in questo Condominio.
Qui troverai tips, rimedi, risorse utili, simpatici prospetti e planner per ottimizzare il tempo e gli spazi, nonché consigli utili per una gestione domestica più organizzata.
Seguimi

Questa torta non può mancare dal ricettario poiché piace sia ai grandi che ai piccini. La torta facile dei 7 vasetti è semplice e gustosa.

Gli ingredienti sono gli stessi di una normale ciambella ma non si usa la bilancia. Il nostro “misuratore” sarà un vasetto di yogurt (intero e naturale).

Può essere farcita, oppure mangiata nel caffellatte, oppure può essere una gustosa merenda da portare a scuola o ancora un dolcetto dopo pasto da accompagnare all’uovo di cioccolata. Usando una tortiera più piccola se ne possono ricavare due dischi per essere farcita. Oppure potete ricoprirla di cioccolato fuso. Insomma date libero sfogo alla vostra creatività.

Ingredienti:torta-facile-in-7-vasetti-di-yogurt

1 vasetto di yogurt naturale
2 vasetti di zucchero
3 vasetti di farina (oppure 2 di farina e 1 di fecola)
1 vasetto di olio di semi
3 uova intere
1 bustina di lievito per dolci
zucchero a velo per decorare

Preparazione:

Mescolare con una frusta elettrica lo yogurt, lo zucchero e l’olio di semi.

Incorporate le uova e continuate a montare bene.

Setacciate la farina e unitela piano piano al composto. All’ultimo aggiungete il lievito e mescolate ancora bene con la frusta.

Versate il composto in uno stampo da 24 cm di diametro già imburrato e infarinato.

Cuocere in forno ventilato (che avrete già portato a temperatura) a 180°C. Occorreranno circa 35 minuti, fin quando non vedrete la superficie della torta diventare bruna.

Cospargere il dolce con lo zucchero a velo.

Orecchiette con i broccoli

Orecchiette con i broccoli
Seguimi

giorgia

Ciao sono Giorgia, ti do il benvenuto in questo Condominio.
Qui troverai tips, rimedi, risorse utili, simpatici prospetti e planner per ottimizzare il tempo e gli spazi, nonché consigli utili per una gestione domestica più organizzata.
Seguimi

Malgrado non ami molto le verdure, questo piatto mi ricorda l’infanzia. Per questo adoro il “profumo” e la forma di questa pasta. Mi ricorda le mani veloci di mia nonna Vincenza, al mare sotto il portico, intenta a preparare orecchiette per un reggimento. Ed io con gli occhi cercavo di “rubarle” il segreto che le faceva preparare le orecchiette così velocemente tutte uguali!

Lei, da vera donna pugliese, utilizzava le cime di rapa. Qui a Roma, per averle di  stagione   bisogna aspettare l’inverno e si trovano, a prezzi ragionevoli, solo per un periodo limitato. Quindi la maggior parte delle volte io utilizzo il broccolo romano.

La preparazione delle mie orecchiette con i broccoli forse non sarà da cucina gourmet, ma a me piace così!

In una pila capiente mettere i broccoli puliti in acqua salata. Appena l’acqua comincerà a bollire aggiungere le orecchiette che hanno una cottura di solito molto lunga. Mettere il coperchio e cuocere finché la pasta non sarà al dente.

Intanto, in un tegame a parte, avrete fatto soffriggere aglio, olio e peperoncino. Secondo i gusti potrete aggiungere anche un paio di alici.  Scolare le orecchiette al dente nel tegame e mantecare terminando la cottura.

Consiglio Sprint: avete cucinato cavoli, broccoli e cavolfiori e la vostra casa è infestata da odore sgradevole? Per tutta la durata della cottura immergere gli spicchi di mezzo limone. In alternativa, una mollica di pane ibevuta di aceto bianco direttamente nella pentola di cottura.

Questa ricetta sarebbe stata ottima per il

Contest “Ma che cavolo fai?”

non pensate anche voi?

Ma che cavolo fai?

 

buzzoole code