Il sito in lockdown ma non per sempre!

Sito in lockdown

Chi di voi seguiva la mia pagina web si sarà accorto che il sito è rimasto in standby da oltre sei mesi.

Nessun aggiornamento, nessun planner di faccende, né ricette ipercaloriche da evitare.

Facciamo allora un passo indietro.
Torniamo a dicembre.
Immaginate un periodo super stressante, l’energia che man mano andava esaurendosi, la mia proverbiale positività ormai un miraggio.

Ero rimasta intrappolata nella “RETE”!!

Per stare al passo con i social studiavo TUTORIAL, partecipavo a WEBINAIR, seguivo Iiguru della COMUNICAZIONE DIGITALE e poi correvo a riscrivere i miei post secondo le REGOLE, impostavo un CALENDARIO EDITORIALE per la pubblicazione degli articoli che puntualmente non riuscivo a rispettare.

Ad un certo punto mi sono fermata col fiatone e una stanchezza addosso che mi stava consumando e semplicemente ho smesso di scrivere.

Avevo bisogno di tornare a scrivere per il gusto di farlo e non perché Pinco Pallo, uno SEO SPECIALIST, un giorno ha deciso che l’ENGAGEMENT si ottiene solo pubblicando i post di mercoledì alle 2,43 in una notte di plenilunio. (Che poi io a quell’ora russo come un dinosauro)
E lo stesso SMM (acronimo di Social Media Manager) insegna che per scrivere un articolo in visione SEO bisogna usare le KEYWORD giuste, allora se volessi condividere con i miei utenti la ricetta del ciambellone all’arancia e volessi scalare la SERP DI GOOGLE, non potrei intitolare il mio post semplicemente “ciambellone all’arancia” perché Google altrimenti non mi fila proprio, piuttosto dovrò scrivere “ciambellone 7 vasetti di yogurt alto e soffice con gocce di cioccolato fondente ma senza burro aromatizzato all’arancia”.
In questo modo, se qualcuno digiterà nella barra di ricerca esattamente queste parole “ciambellone-7-vasetti-di-yogurt-alto-e-soffice-con-gocce-di-cioccolato-fondente-ma-senza-burro-aromatizzato-all’arancia” mi troverò in cima alla classifica in un pico secondo e se sarò fortunata capiterò sopra la mitica Benedetta che a lei basta scrivere semplicemente “ciambellone” per stare sul podio!

E niente, mi è servito del tempo per capire che io non voglio arrivare in prima pagina google, non voglio guadagnare consigliando bibitoni dimagranti, che tanto la mia “pancetta” è sempre bene in vista pertanto sarei pure poco credibile.

E soprattutto, udite udite, non voglio fare le storie su Instagram!!!

Giuro che ammiro le blogger che da quando si svegliano al mattino, fino a quando vanno a dormire condividono con i loro follower tutti i momenti salienti della loro giornata. E lo fanno sempre, quando sono felici, quando stanno incaxxate, quando hanno le paturnie oppure il ciclo e allora “approfitto per mostrarvi come si usa la coppetta mestruale o i pannolini lavabili…”

Ma anche no! Mi fido sulla parola!!!

Ecco io non riesco. Ma è un mio limite, lo confesso.
Adoro Instagram, le foto, le storie, i momenti “fermati” con uno scatto, un album-diario della propria vita!! Ma vi prego le istruzioni delle coppette mestruali possiamo leggerle sulla confezione o parlarne col nostro ginecologo.

Se avete Instagram seguite il profilo de La Casalinga Ideale >>> @lacasalingaideale

Tutto questo per dire che il sito tornerà attivo con dei post originali e inediti quando avrò qualcosa di interessante o di curioso di cui parlare, tornerò un pochino più social (senza le storie!) per condividere con voi scene di vita vissuta o semplicemente per scambiare quattro chiacchiere.

Non garantisco che sarò puntuale nella pubblicazione, non me ne voglia il nostro Sig. Pinco Pallo Seo Specialist, ma cercherò di essere costante!
Torneranno le Newsletter (a proposito se non siete iscritti, cliccate sul link >>> Iscriviti adesso!) e vi informerò sui miei prossimi progetti!!!

Ecco, come al solito sono stata fin troppo prolissa… (chissà se avete letto fin qui?)

Chiudo con un sondaggio:

La Casalinga Ideale dovrebbe continuare in modo personale-amatoriale o affidarsi ad un Social Media Manager?

Seguimi

10 Responses to Il sito in lockdown ma non per sempre!

  1. giulia lombardo ha detto:

    Come ti capisco, cioè io tendo a pubblicare i post sul blog la mattina e su Instagram quando sono ispirata, sono sicura di infrangere almeno 11 regole su 10 del mondo SEO e SOCIAL MEDIA, ma almeno scrivo e posto quando mi va e come mi va e poi rimango fedele a me stessa, quindi continua così!!!

  2. Elettra ha detto:

    Carissima,
    ti seguo da non so quanti anni, ho cominciato a 22 (appena sposata), mi hai “insegnato” a gestire le prime faccende domestiche, ad organizzarle e mi hai pure spedito il primo diploma (quello con le immaginette anni ’60) che è tra l’altro ancora appeso nella mia cucina 🙂
    Credo personalmente che tu debba essere ciò che sei…dipende anche dal tuo obbiettivo. Ma se il tuo obbiettivo è scrivere per il gusto di farlo..allora lascia perdere acronimi e sigle e segui te stessa.
    Elettra

  3. Giulia ha detto:

    Ciao, ti seguivo molto qualche anno fa, poi mi sono persa. Ora ti ho ricercata e scopro che il sito è in standby. Mi dispiace molto, ma un periodo di pausa non si nega a nessuno. A me piacciono le cose spontanee, il tuo blog è nato e si è sviluppato da una TUA idea, senza SEO, SOCIAL MANAGER o altro ed è bello e utile perché qui dentro ci sei TU, non qualcun altro. Fosse mio, continuerei come hai sempre fatto. Non serve aggiornare tutti i giorni, a tutti i costi (magari con contenuti sterili) per essere sempre sul pezzo, sarebbe una corsa senza un traguardo finale da raggiungere. Scusa la prolissità…spero di rileggerti presto!

  4. Alessandra ha detto:

    Ciao Giorgia, ti capisco, hai fatto benissimo a prenderti tutto il tempo per te. Comunque sono contenta di rileggerti visto che il tuo blog mi è sempre piaciuto un mondo; io, che nella vita di tutti i giorni una disorganizzata cronica, cercavo ogni tanto di rimettermi in riga con le tue perle di saggezza e i tuoi planner, per cui ti sono molto grata. La vita è una sola, e ognuno di noi ha diritto a viverla pienamente allontanando lo stress nemico della nostra felicità. A presto. Alessandra

  5. selene ha detto:

    amatoriale come prima, un abbraccio

  6. Noemi ha detto:

    Ma io direi che è meglio la modalità personale-amatoriale, ho sempre notato che i blog che seguo a un certo punto sembra diventino tutti uguali, oppure mi trovo a leggere post che non ci azzeccano niente con l’argomento principale del blog, ora intuisco cosa succede…
    Comunque chi inizia a seguirti è perché apprezza il tuo modo di parlare di qualcosa, secondo me forzare questo processo in questa maniera non paga alla fine, non ti differenzi più, in più finisce che ti leggo perché mi “capiti” tra altri mille stimoli, io invece preferisco memorizzare il nome di quei pochi blog che trovo interessanti e andarmeli a cercare apposta

  7. Tania ha detto:

    Continua nel modo che ti piace, senza stress, anche amatoriale. Non è necessario instragram. Chi ti ha sempre seguita come me continuerà a farlo. E mi manca leggere le tue novità. Ma spero tu stia bene

  8. Yuri ha detto:

    Continua con spontaneità Giorgia, dato che l’hai citata, alla fine fa così anche Benedetta

  9. Loredana ha detto:

    Amatoriale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.