fbpx

Tag Archives: colazione

Gli scone, storia di una ricetta perduta

scone scozzesi
Seguimi

giorgia

Ciao sono Giorgia, ti do il benvenuto in questo Condominio.
Qui troverai tips, rimedi, risorse utili, simpatici prospetti e planner per ottimizzare il tempo e gli spazi, nonché consigli utili per una gestione domestica più organizzata.
Seguimi

Circa 25 anni sono trascorsi da quando, appena maggiorenne giungevo a Londra carica di energie. Per la prima volta all’estero, per la prima volta in un appartamento “da sola”, per la prima volta lavoravo (in un KFC a Victoria Station!), …e per la prima volta assaggiavo gli scone!

Facevano parte del menu di KFC insieme alle ali di pollo piccanti, patatine e bibita. Non immaginavo allora che avessero un nome e una ricetta. Ne ho mangiati tutti i giorni per i 4 lunghi mesi di soggiorno e rientrata in Italia non ho mai più assaggiato un pane che somigliasse almeno un po’ a quei panini.

Solo più tardi ho scoperto che si trattava di una ricetta scozzese, di un panino al latte, friabile all’esterno, soffice e burroso all’interno. Non sono panini dolci, e non sono nemmeno salati. Si possono accompagnare alla marmellata, alla cioccolata oppure agli affettati. Nell’impasto si può aggiungere, a piacimento, uvetta o pancetta.

Io li ho sempre mangiati spalmando all’interno un po’ di burro per la delizia del mio palato. Sì lo so è un concentrato di colesterolo ma dopo tutto ne mangio uno o due…

Nella versione dolce, vengono serviti prevalentemente a colazione, oppure insieme al tè nel pomeriggio, ma si adattano un po’ ad ogni momento della giornata.

Ah… ero rimasta alla mia ricerca della ricetta perduta! Non conoscendo il nome non sapevo proprio come ritrovare gli ingredienti e la preparazione. Ad un certo punto mi sono imbattuta in un libro dalla copertina spiritosa e accattivante, questo:

emozioni culinarie>> Emozioni Culinarie <<

di Tina Ferraiuolo e Cristina Ordioni

Edito da Galassia Arte

In vendita su –>> Amazon in versione ebook e cartacea

Non un semplice libro di cucina. Ricette sì, ce ne sono. Ogni capitolo una ricetta che evoca emozioni culinarie, ricordi, storie di vita vissuta, di amicizie casuali, poi coltivate nel tempo.

E proprio a pagina 45 eccoli lì, gli scone di Edinburgo. Lì per lì non mi sono resa subito conto, poi leggendo gli ingredienti e la descrizione minuziosa non ho avuto più dubbi! Erano loro i miei panini adorati!

“…piccoli panini soffici all’interno e friabili all’esterno,… il loro aroma è burroso e si usa consumarli tagliati a metà e farciti con un’ottima marmellata, magari ai frutti di bosco, meglio se fatta in casa.”

Riporto gli ingredienti così come elencati nel libro:Scone di Edinburgo

  • 500gr di farina 00
  • 200gr di burro
  • 200ml circa di latte
  • 4gr di bicarbonato
  • 4gr di cremor tartaro
  • 1 pizzico di sale
  • uvetta a piacere (io non l’ho messa!)
  • Marmellate varie e panna montata per la farcitura

Preparazione:

In una ciotola versate la farina e il burro freddo tagliato a cubetti. Una volta mescolati insieme i primi due ingredienti, all’impasto, chiamato sfarinatura, si aggiunge il bicarbonato, il cremor tartaro, il sale e lentamente, il latte freddo.

L’impasto va lasciato riposare almeno un’ora coperto con un tovagliolo.

Scone di EdinburgoA questo punto ho modificato un po’ la ricetta originale del libro dove si diceva di stendere l’impasto con un mattarello  fino a uno spessore di 3 cm per poi formare con i coppapasta dei piccoli dischi. Diversamente io ho arrotolato l’impasto formando un cilindro del diametro di 3 cm (un po’ come si fa per la preparazione degli gnocchi) e poi ho tagliato le porzioni di questo rotolo a circa 4 cm ognuna.

Formiamo quindi dei cilindri che vanno messi in forno (già caldo!!!), distanziati tra loro, spennellandoli con un po’ di latte.

Cuociamo a 180° per circa 10/15 minuti. La superficie non dovrà apparire scura ma solo leggermente dorata.

Il risultato è stato ottimo, mi riprometto di preparare anche altre ricette proposte da questo libro, poiché sono tutte sfiziose e di facile preparazione!

Olio di palma, ciao ciao!!! …con i Fattincasa Di Leo

fattincasa-di-leo
Seguimi

giorgia

Ciao sono Giorgia, ti do il benvenuto in questo Condominio.
Qui troverai tips, rimedi, risorse utili, simpatici prospetti e planner per ottimizzare il tempo e gli spazi, nonché consigli utili per una gestione domestica più organizzata.
Seguimi

No non è una moda. Oggi non si fa altro che parlare dell’olio di palma e della sua discussa reputazione per quello che riguarda: 1. i nutrienti di un prodotto da forno, 2. l’impatto ambientale.

Ebbene Di Leo prese una posizione ben precisa su questo tema già 25 anni fa risultando la prima azienda a comunicare sul pack l’assenza dell’olio di palma.

Praticamente da sempre questa azienda ha preferito oli più ricchi di grassi insaturi (olio mais,fattincasa di leo
girasole, oliva) a dispetto dell’olio di palma presente nei tantissimi prodotti da forno come merendine, biscotti, grissini, cracker, fette biscottate.

Questa scelta accompagna naturalmente una storia, quella dei Fattinacasa Di Leo, di ingredienti semplici e genuini, la voglia di crescere e la volontà di tramandare valori di generazione in generazione. Tutto questo si traduce in un semplice

#mangiasanoconnoi

Ed io, che abbraccio tutti i valori semplici e genuini metto a tavola i Fattincasa Di Leo, per me e per i miei ragazzi.

Buzzoole

Al rito della colazione io non ci rinuncio!

Breakfast-on-Sunday
Seguimi

giorgia

Ciao sono Giorgia, ti do il benvenuto in questo Condominio.
Qui troverai tips, rimedi, risorse utili, simpatici prospetti e planner per ottimizzare il tempo e gli spazi, nonché consigli utili per una gestione domestica più organizzata.
Seguimi

Al rito della colazione io non ci rinuncio!

Toglietemi tutto, ma non la colazione al mattino in casa, con la tavola apparecchiata e l’aroma del caffè che si diffonde piano piano, gli occhi semichiusi, la luce che filtra attraverso le tende, il dolce fatto in casa.

Ci sono alcune abitudini, lasciatemelo dire, che non si possono abbandonare.

Mai, per nessuna ragione.

Nemmeno se si cambia casa, o cucina, o marito (ehm!). La colazione è per me un rito sacro, fin da quando ero una bimba. Poi crescendo ho fatto mia questa routine portandola a casa mia insieme al marito e ai figli. Certo non tutti i giorni ci è possibile, per motivi lavorativi o scolastici, attardarci al mattino tutti insieme, così ho istituito il rito sacro della colazione nel giorno della domenica, denominandolo “Breakfast on Sunday”.

Rotolo di frutta con Nutella Ingredienti

La tavola è apparecchiata fin dalla sera precedente con tazze e tovaglioli colorati, e un dolce fatto da me il sabato o il venerdì. Sì perché, mentre per gli altri giorni della settimana, faccio tranquillamente passare classiche merendine, latte e un po’ di frutta, la Domenica preferisco gustare un dolce fatto da me.

Non una cosa complicata intendiamoci! Niente di eccezionale! Pochi ingredienti purché genuini e di facile lavorazione. Che sia un Rotolo di frutta con Nutella oppure una Ciambella allo yogurt i miei figli sembrano gradire questa sana routine familiare.
Ecco ad esempio, lascio il caffè con la macchinetta espressa per i giorni feriali e uso la moka per la domenica, quando, dopo averla preparata e “messa su” mi metto comoda, ancora molto “dormiente”, leggo distrattamente una rivista di arredamento o giardinaggio, e aspetto che la moka mi avverta con il suo inconfondibile “fischio” che il caffè è pronto.
Così, passiamo una mezz’ora, a scambiarci parole che di solito sfuggono, per soffermarci un po’ tra di noi senza fretta e senza stress. Scambiare sorrisi e coccole con le persone che amo mi regala ogni volta una carica per tutta la settimana che verrà.
Naturalmente è vietata la TV per tutta la durata della colazione, né si possono portare a tavola cellulari o tablet. Ma questo sembra non importare. In fondo, dopo aver fatto colazione, ognuno di noi tornerà alle proprie cose, ma non importa. Apprezzo la sensazione di benessere che mi pervade quando riesco a trascorrere pochi interminabili minuti di piacevole compagnia con la mia famiglia.

Consiglio a chiunque la mia Colazione della Domenica, nutriente, energetica e salutare, accompagnata da un dolce fatto in casa!

Riscoprirete la famiglia, gli aspetti più piacevoli di un rapporto e la voglia di ripetere al più presto la stessa emozione!

 

 

#MissioneCorpoPositivo per una colazione sana e gustosa

MissioneCorpoPositivo
Seguimi

giorgia

Ciao sono Giorgia, ti do il benvenuto in questo Condominio.
Qui troverai tips, rimedi, risorse utili, simpatici prospetti e planner per ottimizzare il tempo e gli spazi, nonché consigli utili per una gestione domestica più organizzata.
Seguimi

Ma sì, diciamocelo: quante volte, durante la settimana, riuscite a fare colazione con calma, sedute al tavolo, senza correre come pazze? Spesso non troviamo tempo nemmeno durante il weekend. Inutile dire che fino a qualche settimana fa avrei alzato la mano.

“Sono io, sono io!!” quella che si sveglia tardi e cammina a carponi fino al bagno per poi vestirsi come un’automa e accorgersi con orrore che si è fatta già ora di uscire. Così la modalità bradipo si tramuta in modalità flash e scappo di corsa a portare mio figlio a scuola, a fare la spesa, per poi rientrare e cucinare e poi…e poi… neanche più un attimo di tempo per me fino a sera.

Da qualche tempo a questa parte invece ho deciso che voglio volermi più bene.MissioneCorpoPositivo

Così prendendo spunto dal programma #MissioneCorpoPositivo di Nestlé Fitness ho voluto pormi come primo obiettivo il mio benessere. Come secondo proposito ho iniziato a “Mangiare Positivo, Vivere Positivo e Pensare Positivo” sin dal primo mattino. In ultimo la scelta degli ingredienti sani e al tempo stesso gustosi.

E cosa c’è di più gratificante al mattino che consumare un bicchiere di latte o yogurt con i cereali e la frutta? In questo periodo magari preferisco la spremuta d’arancia e a parte una tazza di cereali. Alterno con lo yogurt e le fragole (fra un paio di mesi!) oppure le noci da mischiare ai cereali per uno snack gustoso ed energico. Togliendo l’aspetto nutriente, che non è da sottovalutare, mi sento bene. Bene con me stessa e con il mio corpo.

In fondo è bastato mettere la sveglia un quarto d’ora prima. La sera, infatti, prima di andare a dormire, apparecchio la tavola con una tovaglietta, la tazza e i miei cereali preferiti così da non perdere tempo prezioso al mattino. Vi assicuro che basta davvero poco per avere una soddisfazione immensa.

Trascorsi i primi giorni di fatica e sacrificio a causa dell’orario anticipato della sveglia, ora è diventata una sana abitudine quella di alzarmi prima e sedermi al tavolo della cucina con la mia tazza di latte e i miei cereali, la mia agenda, immancabile, vicino per pianificare la giornata e la tv a volume basso, così tanto per godermi qualche minuto di silenzio prima che la mia giornata frenetica abbia inizio!
A primavera avrò il mio terrazzino all’aperto come sfondo, sono certa che il mio umore ne gioverà tutto il giorno!missionecorpopositivo

Collegati anche tu sul sito ufficiale di Nestlé Fitness e scopri #MissioneCorpoPositivo il programma pensato per tutte le donne che hanno voglia di mangiare positivo, vivere positivo e pensare positivo!

 

 

Buzzoole

English Breakfast e Idee Regalo per la Festa della Mamma

English Breakfast
Seguimi

giorgia

Ciao sono Giorgia, ti do il benvenuto in questo Condominio.
Qui troverai tips, rimedi, risorse utili, simpatici prospetti e planner per ottimizzare il tempo e gli spazi, nonché consigli utili per una gestione domestica più organizzata.
Seguimi

Un’idea sfiziosa per la prossima Festa della Mamma.

Domenica 10 maggio fatele una sorpresa  preparando una gustosa colazione.

Non una colazione qualsiasi ma di quelle che si trovano in Hotel, preparatele, con l’ausilio del papà, una autentica English Breakfast a base di toast, uova e pancetta.

Ingredienti:English Breakfast

  • Toast (1 fetta)
  • Uova (1)
  • Burro (q.b.)
  • Pancetta (2 fette)

Preparazione:

Con un coppapasta a forma di cuore (se non lo avete andrà benissimo una forma circolare o quadrata) incidete il toast al centro. Mettete in un padellino antiaderente poco burro e tostate il pane circa un minuto per lato. Togliete solo la parte interna del toast e fate scivolare nel centro l’uovo, salate e coprite facendo cuocere per due minuti.

Voilà. Disponete il toast su un piattino, intanto fate rosolare due fette di pancetta nello stesso padellino senza aggiungere olio o burro.

Un vassoio, un fiore, un bicchiere di spremuta. La colazione è servita.

TANTI AUGURI MAMMA!

mamma

Auguri alle mamme,
alle mamme che vorrebbero esserlo,
alle mamme che hanno scelto e a quelle che si “ritrovano” mamme per caso,
auguri alle mamme a cui il destino ha strappato loro il figlio,
auguri alle mamme che ci amano d lassù,
auguri alle mamme che hanno dato alla luce i propri figli e a quelle che hanno regalato la luce ai figli di altre mamme,

Auguri alla mia mamma… <3

 

IDEE REGALO

La vostra mamma è ironica o romantica?

Se possiede già un lettore ebook, potrete, con poca spesa regalarle un libro a scelta tra l’ironico e irriverente manuale di sopravvivenza domestica (La Casalinga Ideale Ebook) oppure il romantico e sensuale racconto d’amore (L’Incarico) al costo promozionale di 0,99 cent ognuno (il prezzo scontato è valido fino al 15 maggio 2015)

O magari perché non prenderli entrambi?

>>Benvenuto nel negozio dedicato alla festa della mamma!<<

Idee Regalo da Amazon per la Mamma che desidera sentirsi bella, sentirsi tecnologica o attiva, per la mamma creativa o che ama rilassarsi, in casa oppure fuori…

english breakfast

 

buzzoole code