fbpx

Category Archives: rimedi della nonna

Anticalcare fatto in casa + Stampabile

anticalcare fatto in casa
Seguimi

giorgia

Ciao sono Giorgia, ti do il benvenuto in questo Condominio.
Qui troverai tips, rimedi, risorse utili, simpatici prospetti e planner per ottimizzare il tempo e gli spazi, nonché consigli utili per una gestione domestica più organizzata.
Seguimi

Latest posts by giorgia (see all)

Dopo aver fatto lo sgrassatore passiamo a realizzare l’anticalcare fatto in casa per rubinetterie e sanitari.

Sono sincera, ero scettica all’inizio. Primo perché la farmacia dove ho acquistato l’acido citrico me lo ha fatto pagare ben 12 € per 250gr di prodotto. In seguito ho scoperto che sul web lo trovo anche a meno! Secondo perché non sapevo se sarebbe stato efficace contro le macchie di calcare che restano sui vetri della doccia.

Invece mi sono dovuta ricredere! La facilità della preparazione e la rimozione del calcare senza faticare troppo mi hanno subito convinta che è il prodotto adatto a me. Ho scoperto che con 250gr di prodotto posso realizzare il mio anticalcare per ben 2 volte e mezza!

Ingredienti:anticalcare fatto in casa

  • acqua distillata
  • acido citrico

Preparazione:

Versare in un contenitore graduato 100gr di acido citrico (maneggiare con i guanti!).

Aggiungere l’acqua fino a raggiungere in totale la tacca dei 500 ml.

Mescolate con un cucchiaio fin quando l’acido citrico non si sarà sciolto per bene.

Trasferite il tutto in un flacone con spruzzino.

Dal Web (Wikipedia): Grazie alla sua azione anticalcare viene utilizzato (diluito in acqua distillata) come ammorbidente eco-sostenibile per il lavaggio in lavatrice e disincrostante per la lavatrice.

Nei detersivi viene usato per ridurre la durezza dell’acqua.

anticalcare fatto in casaStampate la scheda in formato A5 per il vostro #ControlJournal

 Download

ringrazio i n. 275 utenti che hanno effettuato il download fino ad ora

Salviette multiuso per la casa faidate (DYI)

Seguimi

giorgia

Ciao sono Giorgia, ti do il benvenuto in questo Condominio.
Qui troverai tips, rimedi, risorse utili, simpatici prospetti e planner per ottimizzare il tempo e gli spazi, nonché consigli utili per una gestione domestica più organizzata.
Seguimi

Latest posts by giorgia (see all)

Di nuovo una ricetta naturale dal potere sgrassante. Adatta ad ogni superficie lavabile (eccetto il marmo per la presenza dell’aceto) e per l’igiene di sanitari e rubinetterie, nonché per il piano cottura e il lavello.

Stavolta però invece di preparare il comune Sgrassatore Spray (ne abbiamo parlato QUI vi ricordate?) ho pensato di utilizzare/riciclare un pratico barattolo di mozzarelle (pulito e disinfettato!) per realizzare le nostre Salviette multiuso per la casa.

Passo subito ad elencare gli ingredienti:

– Un rotolo di carta da cucina assorbente

– Un barattolo (io ho utilizzato un barattolo di mozzarelle terminato, voi potrete utilizzare anche un barattolo vuoto di salviette umidificate per bambini)

Soluzione (circa 100ml) di acqua e aceto in parti uguali a cui avrete aggiunto 10ml di alcool e 5ml di limone.

salviette multiuso per la casa

Preparazione:

Prendete il rotolo di carta assorbente e tagliatelo con un coltello seghettato a misura del vostro barattolo.

salviette multiuso per la casa

Preparate la soluzione come indicato.

L’aceto avrà un potere sgrassante per le superfici e lucidante per le rubinetterie. L’alcool è detergente e evapora in fretta. Il limone è un ottimo disinfettante e anti calcare.

Mettete il rotolo (mezzo) di carta nel barattolo e versate la soluzione. A questo punto chiudete bene e lasciate che la carta assorba il liquido contenuto nel barattolo.

salviette multiuso per la casa

Estraete dal centro il cartone e da lì partiranno le salviette umide già pre tagliate multiuso per le superfici della vostra casa. Fate un piccolo foro al coperchio del barattolo per renderlo più maneggevole e disponibile durante le pulizie.

salviette multiuso per la casa

Vi cade un mestolo? Basterà prendere una salviettina umida e pulire prontamente la superficie. Il kechup è colato sulla parete del frigorifero? Non macchiate i vostri panni di microfibra ma utilizzate una salvietta che poi potrete buttare via. Ogni mattina passate una salvietta umida sui rubinetti e sui sanitari.
Tempo e fatica saranno ottimizzati con poca spesa e con migliore efficacia.

salviette3salviette4salviette5

salviette6

Come pulire la casa con il succo di limone

pulire la casa con il succo di limone
Seguimi

giorgia

Ciao sono Giorgia, ti do il benvenuto in questo Condominio.
Qui troverai tips, rimedi, risorse utili, simpatici prospetti e planner per ottimizzare il tempo e gli spazi, nonché consigli utili per una gestione domestica più organizzata.
Seguimi

Latest posts by giorgia (see all)

Alcuni li conoscevo già, altri me li hanno suggeriti. Ecco 10 utili consigli per pulire la casa con il succo di limone.

1.Frutta e verdura. Un risciacquo con il succo di limone e poi acqua corrente previene il rischio di contaminazione.

2.Vetri e Finestre. In un litro di acqua tiepida aggiungere 200ml di aceto bianco  e il succo filtrato di un quarto di limone. Avrete ottenuto un ottimo sgrassante per le finestre, in particolare quelle esposte allo smog.

3.Contenitori in plastica per alimenti. A volte le macchie di sugo e salse non vanno via nemmeno in lavastoviglie. Cospargete il fondo di bicarbonato, poi lavate bene col succo di un limone. Lasciate agire e poi risciacquate per bene.

4.Wc e sanitari. Cospargere di bicarbonato e succo di limone permette una pulizia accurata dei nostri sanitari. Lasciar agire qualche minuto prima di risciacquare.

5.Doccia. Passate mezzo limone sulle pareti della doccia. Questo rimedio eliminerà qualsiasi residuo di sapone e calcare, risciacquate e asciugate con cura.

6.Ruggine. Applicare sulle macchie di ruggine un composto formato da succo di limone e sale fino. Lasciate agire e poi sciacquate. Ripetere l’operazione per le macchie più resistenti.

7.Ottone e rame. Prendere mezzo limone su cui avrete cosparso del sale e passarlo su oggetti di rame o ottone. Torneranno lucidi in breve tempo.

 

 

pulire la casa con il succo di limone

 

8.Tagliere. Sul tagliere si depositano germi e batteri nocivi alla salute. Per rimuovere l’unto e lo sporco senza utilizzare detersivi che andrebbero a contaminare i cibi, utilizzate il succo di limone. Strofinare bene e risciacquare. L’effetto sbiancante del limone farà tornare il tagliere come nuovo.

9.Mobili. In uno spruzzino mescolate in parti uguali olio vegetale e succo di limone. Utilizzate a piccole dosi per lucidare i vostri mobili.

10.Griglie e fornelli. Preparate un composto di bicarbonato e succo di limone (la consistenza deve essere quella di una “pappetta”) Applicate il composto sui fornelli. Lasciate agire almeno 15′ poi risciacquate per bene.

 

Voi ne conoscete altri? Potrete suggerirli commentando qui in basso in modo da ampliare questa raccolta.

Sgrassatore fatto in casa + Stampabile

sgrassatore fai da te
Seguimi

giorgia

Ciao sono Giorgia, ti do il benvenuto in questo Condominio.
Qui troverai tips, rimedi, risorse utili, simpatici prospetti e planner per ottimizzare il tempo e gli spazi, nonché consigli utili per una gestione domestica più organizzata.
Seguimi

Latest posts by giorgia (see all)

Si comincia con una pozione magica e non si riesce più a smettere. Dopo aver parlato delle Tabs per lavastoviglie oggi vi propongo lo Sgrassatore fatto in casa.

Pochi semplici ingredienti per avere un detersivo efficace, economico e ecologico.

Io l’ho testato in cucina dove l’unto è sempre più presente (fuochi, griglie,sgrassatore fatto in casa credenze, ecc) ma può essere utilizzato anche sul legno laccato, sulle maniglie delle porte, sulle maioliche.

Ingredienti: 

  • acqua
  • sapone di marsiglia
  • bicarbonato
  • aceto bianco

Preparazione:

In un contenitore sciogliere in 750 ml di acqua bollente 2 cucchiai di sapone di Marsiglia grattugiato.

Aggiungere 2 cucchiai di bicarbonato e per un’azione d’urto si può aggiungere 1 bicchiere di aceto bianco.

Fate raffreddare e versate tutto in un comodo flacone spray.

Vorrei segnalare La mia casa ecopulita. Detersivi fai da te ecologici ed economici, un pratico prontuario che vi spiegherà come pulire perfettamente e in modo ecologico ambienti e oggetti, dalle fughe delle piastrelle al frigorifero, dalle pentole alle maniglie delle porte, con indicazioni utili per trattare tutti i tipi di sporco una guida rapida al bucato vi svelerà trucchi e segreti per togliere dai tessuti ogni tipo di macchia utilizzando solo prodotti ecologici.

Sgrassatore fatto in casaStampate la scheda in formato A5 per il vostro #ControlJournal

 Download

ringrazio i n. 1.384 utenti che hanno effettuato il download fino ad ora

Tabs per lavastoviglie fatte in casa

tabs per lavastoviglie
Seguimi

giorgia

Ciao sono Giorgia, ti do il benvenuto in questo Condominio.
Qui troverai tips, rimedi, risorse utili, simpatici prospetti e planner per ottimizzare il tempo e gli spazi, nonché consigli utili per una gestione domestica più organizzata.
Seguimi

Latest posts by giorgia (see all)

Perché spendere denaro? Perché usare prodotti nocivi all’ambiente e alla nostra salute? Avete in casa Bicarbonato e Sapone di Marsiglia? E’ presto fatto!! Ecco una ricettina facile facile per avere le nostre tabs per lavastoviglie subito pronte!!

 

Ingredienti:

  • Bicarbonato 300gr
  • Sapone di Marsiglia (liquido o a scaglie) 2 cucchiai
  • Olio essenziale al limone (o al cedro) 15 gocce
  • Contenitori per il ghiaccio

 

tabs_lavap2

 

Preparazione tabs per lavastoviglie

In una ciotola mescolare il bicarbonato con il sapone di marsiglia e 15 gocce di olio essenziale. Aggiungere l’acqua poco alla volta.

Il composto, che non deve essere troppo fluido, non deve colare e allo stesso tempo non deve restare troppo polveroso. Deve quindi raggiungere una compattezza tale da poter essere “pizzicato” restando compatto tra le dita.

Mettere poi il composto negli stampi per il ghiaccio (se fatti di silicone meglio così le nostre tabs non rischieranno di rompersi) facendo attenzione a premere bene per non lasciare “aria”.

Lasciamo asciugare bene per almeno 24 ore.

Le tabs così preparate possono essere conservate in un barattolo in un luogo asciutto.

tabs per lavastoviglie

Se hai un’agenda planner come la mia (formato A5) puoi scaricare gratis la scheda STAMPABILE delle Tabs cliccando qui sotto e aggiungerla a quelle che presto troverete on line nella sezione “JOURNAL PLANNER”

 

 Download

n. 509 download già effettuati.

7 usi alternativi dello smalto trasparente

smalto trasparente
Seguimi

giorgia

Ciao sono Giorgia, ti do il benvenuto in questo Condominio.
Qui troverai tips, rimedi, risorse utili, simpatici prospetti e planner per ottimizzare il tempo e gli spazi, nonché consigli utili per una gestione domestica più organizzata.
Seguimi

Latest posts by giorgia (see all)

Oggi voglio proporvi queste sette quattordici curiosissime idee per utilizzare lo smalto trasparente che di solito abbiamo in casa.

Partiremo dall’uso alternativo più “conosciuto”, ossia quello di riparare i collant smagliati per poi scoprirne altri davvero curiosi:

1) State per uscire di casa, siete in ritardo, e vi accorgete che i collant che indossate sono smagliati? Una goccia di smalto trasparente basterà a fermare la smagliatura così la serata sarà salva.

2) I vostri occhiali sono diventati scomodi perché le asticelle si sono improvvisamente allentate? Una goccia di smalto trasparente sulle viti e sembreranno nuovi.

3) Una minuscola quantità di smalto trasparente sul filo che tiene cuciti i bottoni delle camicie impedirà ai bottoni di staccarsi e noi eviteremo di rispondere alla classica domanda “non sai nemmeno attaccare un bottone?”

4) Lo smalto trasparente passato sui tasti della tastiera del pc (attenzione a non far scivolare lo smalto all’interno!) impedirà ai caratteri di scolorirsi nel tempo.

5) In mancanza della colla stick si può utilizzare lo smalto trasparente per chiudere ad esempio le buste da lettera.

6) Se i bijoux di bigiotteria tendono a diventare neri macchiando la pelle a contatto, passeremo un velo di smalto trasparente  che formerà così una patina protettiva.

7) Se usate mettere lo smalto di qualsiasi colore scuro (nero o blu) sulle unghie, prima, passate la base di smalto trasparente. Questo eviterà di ritrovare le unghie ingiallite dai pigmenti scuri dello smalto.  (grazie Claudia Reggae – Facebook)

8) Passare lo smalto trasparente nei punti dello stendibiancheria in cui è venuta via la vernice… per evitare eventuali segni di ruggine sui capi bagnati! (da Strepto Cocco – Facebook)

9) Se usate scrivere i biglietti di auguri, potete rendere lucide le scritte e le decorazioni con una passata di smalto.   (da Barbara Giacomelli – Facebook)

10) Potrete fissare meglio strass e piccole borchie sui vestiti con una goccia di smalto trasparente per evitare che si stacchino col primo lavaggio in lavatrice.  (da Barbara Giacomelli – Facebook)

11) Con gli smalti colorati si possono dipingere i piccoli vasetti di yogurt in vetro o omogeneizzati per farli diventare simpatici porta candele estivi. (da Barbara Giacomelli – Facebook)

12) Avete presente i segnalibro in stoffa che sono nei diari dei nostri figli? Per non farli sfilacciare in due giorni di scuola, se si stende lo smalto trasparente sul bordo, restano intatti. (da Barbara Giacomelli – Facebook)

13) Come sopra, aggiungo io, una passata di smalto trasparente sui lacci delle scarpe quando perdono il capo e rischiano di diventare sfilacciati.

14) Un ottimo consiglio ci arriva da Nadia Pellizzari (Facebook): passate lo smalto trasparente sul filo di collane e braccialetti. Sarà molto più facile infilare le perline…

 

smalto trasparente

 

Piccoli guai natalizi e Donna Moderna

piccoli guai natalizi
Seguimi

giorgia

Ciao sono Giorgia, ti do il benvenuto in questo Condominio.
Qui troverai tips, rimedi, risorse utili, simpatici prospetti e planner per ottimizzare il tempo e gli spazi, nonché consigli utili per una gestione domestica più organizzata.
Seguimi

Latest posts by giorgia (see all)

Nel numero di questa settimana di Donna Moderna (1/2015) si parla di “Pronto Soccorso per i PICCOLI GUAI NATALIZI” con i consigli dettati da La Casalinga Ideale.

Il micio di casa che dà l’assalto all’abete, i bambini che rovesciano le candele sulla tovaglia. Non farti rovinare la giornata, rimedia con i consigli di Giorgia Giorgi, ideatrice del blog www.lacasalingaideale.it

Per tenere lontano il gatto dall’albero. Se hai un abete vero, cospargi la terra del vaso con del pepe nero o con una manciata di cannella. Se, invece, è un albero finto, avvolgi la base con la carta crespa dei fiorai, poi metti 10 gocce di olio di eucalipto e di olio essenziale agli agrumi in mezzo litro d’acqua e spruzzala tutto intorno. Questi profumi naturali non piacciono al gatto.

Per rimuovere gli aghi di pino senza intasare l’aspirapolvere. Sistema una retina fitta di plastica o di metallo (che trovi nei negozi di bricolage) sotto l’albero, sul pavimento: raccoglierà gli aghi e tu potrai buttarli via in un attimo. E anche se la nascondi con i pacchi regalo, funziona lo stesso.

Per togliere la cera dalla tovaglia della nonna. Posiziona un sacchetto di carta del pane sulla macchia, premendo col palmo della mano per farlo aderire bene. Scalda il ferro da stiro e, senza vapore, passa più volte sulla carta. Ripeti l’operazione se sono rimasti dei residui. Ma attenzione a non grattarli via dal tessuto, si macchierebbe.

Annalisa Piersigilli

Donna Moderna 1/2015

Grazie alla gentilissima Redazione di Donna Moderna per la splendida opportunità!!

piccoli guai natalizi

Come usare la lavastoviglie risparmiando

stoviglie
Seguimi

giorgia

Ciao sono Giorgia, ti do il benvenuto in questo Condominio.
Qui troverai tips, rimedi, risorse utili, simpatici prospetti e planner per ottimizzare il tempo e gli spazi, nonché consigli utili per una gestione domestica più organizzata.
Seguimi

Latest posts by giorgia (see all)

Dopo la lavatrice, la lavastoviglie risulta essere la migliore invenzione di supporto alla donna-casalinga!

Per far in modo che le stoviglie siano pulite, igienizzate ed ben asciugate bisogna avere l’accortezza di rimuovere qualsiasi tipo di residuo di cibo prima di caricare la lavapiatti. Per questa operazione consiglio vivamente di non passare i piatti sotto l’acqua corrente per due motivi validi: il primo che ci sarebbe un forte dispendio di acqua, il secondo motivo è che i residui di cibo andrebbero ad intasare gli scarichi. Basterà utilizzare un tovagliolino di carta per eliminare i residui che andremo poi a buttare nella spazzatura.
Non sovrapporre mai pentole e tegami per consentire all’acqua e al detergente di raggiungere ogni angolo delle stoviglie.

Per prima cosa leggere sempre le istruzioni di lavaggio delle padelle e pentole appena acquistate: se non è presente la dicitura “lavabile in lavastoviglie” meglio evitare. La stessa cosa vale per le parti smontabili dei piccoli elettrodomestici (grattugie, lame, coperchi, ecc.).
I contenitori e i coperchi in plastica potrebbero deformarsi e di conseguenza non chiudersi ermeticamente.
Tutto ciò che è vetro, ceramica e acciaio non ha controindicazioni per il lavaggio nella lavastoviglie, facendo però attenzione ad eventuali guarnizioni e/o decorazioni.

Il sale va aggiunto nell’apposito contenitore ogni qual volta la lavapiatti lo richieda. Serve principalmente ad “addolcire” la durezza dell’acqua e a rendere il detergente molto più efficace. Inoltre contribuisce a rimuovere le antiestetiche macchie di calcare sulle stoviglie.lavastoviglie
Ora sciogliamo la prognosi: sale grosso da cucina o sale per lavapiatti? La composizione è pressoché identica, salvo che forse quello per lavapiatti dura un po’ di più.
Se poi vogliamo aggiungere che acquistando il sale per la lavapiatti nei supermercati discount oppure a marchio di fabbrica il prezzo è lo stesso, a volte anche inferiore, possiamo dedurne che è indifferente usare l’uno o l’altro purché acquistati in offerta.

Risparmiare si può!!!

  • Il primo risparmio da fare è al momento dell’acquisto scegliendo una lavastoviglie con classe energetica A+ o superiore.
  • In seguito se il nostro contratto di energia elettrica prevede la tariffa bi oraria attiveremo la lavapiatti dopo le ore 19 e durante i giorni festivi.
  • La lavapiatti va utilizzata sempre a pieno carico! Nelle lavapiatti di ultima generazione è previsto tuttavia un programma che permette di “dosare” acqua e detersivo in misura dei piatti da lavare, il mezzo carico. In questo caso però l’energia elettrica si consuma ugualmente, quindi secondo me è opportuno aspettare di avere una lavastoviglie carica prima di accenderla.
  • Pulire il filtro e avviare periodicamente un ciclo a vuoto con l’aceto sono delle semplici accortezze che ci permetteranno di risparmiare manutenzioni più dispendiose in caso di guasto o intasamento di filtri e tubature.

cucinare con la lavastoviglieIn ultimo, questa cosa proprio non la sapevo, cuciniamo con la lavastoviglie!!

Sì sì avete letto bene…pensavate che servisse solo a pulire le stoviglie? Confesso di non aver provato, quindi vi rimando al libro che ne spiega il procedimento.

Cucinare in lavastoviglie. Gusto, sostenibilità e risparmio con un metodo rivoluzionario di Lisa Casali , edito da Gribaudo.

Il libro spiega come preparare dei bocconcini di pollo con zenzero e lime con un lavaggio intensivo a circa 70° o come cuocere una tagliata con un lavaggio ecologico a circa 50°.

 

buzzoole code