Lei e Lui al supermercato, similitudini e differenze

Lui al supermercato

Non è un caso che quando andiamo al supermercato e ci soffermiamo a guardarci intorno gli uomini e le donne hanno un metodo tutto loro per fare la spesa.

La spesa di Lei

Senza dubbio è pianificata già da qualche giorno.

Studiata a tavolino con volantini delle offerte da una parte, planner menu settimanale dall’altra, buoni sconto ritagliati e app per il conteggio delle calorie se occorre tornare in forma dopo le feste o un weekend particolarmente “sostanzioso”.

In borsa il gettone per il carrello che poi non si troverà mai, perché quella di lei non è una borsa ma un buco nero nello spazio.

Le shopping bag di ogni forgia e colore saranno sistemate, piegate e ordinate per bene, ma puntualmente verranno dimenticate in auto o a casa.lei-al-supermercato

Nessuna paura, alla cassa, prontissime ne acquisteremo una nuova, quella a fiori che fa tanto primavera in questo periodo, così ne avremo una per ogni stagione o ricorrenza dell’anno.

Lei conosce tutti i trucchi per procedere a passo di marcia, infatti ancor prima di iniziare andrà spedita al banco del fresco per prendere il numero elimina code.

Studierà con ossessiva attenzione ogni etichetta, luogo di produzione/provenienza, calorie, ingredienti per qualsiasi prodotto da acquistare.

Una volta arrivata alla cassa, nell’attesa, Lei rivolgerà la sua attenzione ai carrelli vicini con conseguente incontenibile curiosità. Ne deriverà una interminabile conversazione su “perché nelle seppie ripiene ci va il pangrattato?” e via dicendo…

Se la cassiera sarà in vena di chiacchiere, la conversazione potrà prolungarsi oltre l’orario di chiusura del supermercato!

E quando invece va Lui a far la spesa?

La spesa che fa lui non è pianificata né da una settimana né da un’ora, semplicemente prende la lista che Lei si raccomanderà di non perdere.

Al parcheggio del supermercato, l’unica sua preoccupazione sarà trovare un posto “sicuro” e lontano almeno un miglio dall’entrata (n.d.r. sono certa che questa cosa avrà un significato scientifico, ma per me, dopo tanti anni, resta un mistero!)

lui-al-supermercatoIl gettone non servirà, e le shopping bag nemmeno. Troppo femminili, con tutti quei fiori e i colori vivaci. Userà invece le bag di carta o di plastica riciclata che si biodegraderanno prima di arrivare all’auto.

Lui procederà con gli acquisti nell’ordine esatto in cui li vedrà scritti in elenco, …

…quindi guai a mettere prima l’acqua e poi la frutta, potremmo aver bisogno di rintracciarlo col GPS quando ormai non vedendolo tornare sarà notte inoltrata.

Al banco del fresco arriverà esattamente dopo aver acquistato tutti i prodotti indicati prima in elenco. E farà diligentemente la fila anche dovesse volerci tutta la mattina.

Le etichette Lui nemmeno le guarda. Semplicemente dovrà identificare marca, confezione, tipo e prezzo e se il prodotto si dovesse discostare anche solo di una virgola, il cellulare sarà la sua (e la nostra!) unica salvezza. PS Mi chiedo come facevano i nostri mariti quando ancora il cellulare non era stato inventato…

Arrivato alla cassa, sceglierà la fila “solo uomini” così da non dover intrattenere alcuna conversazione con chicchessia.

Da parte mia il problema non si pone, la spesa si fa insieme!!!





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

buzzoole code